Pensieri mattutini…

  “Si chiamava Marlene. Solo tre mesi fa avrei scritto: si chiama Marlene. Oggi, si chiamava. Dopo cinque anni di un presente senza futuro, ho trovato finalmente l’imperfetto. Le risparmio i dettagli del nostro rapporto. Il bello tra noi due era sempre l’inizio. Ci piaceva così tanto ricominciare che lo facevamo ogni due mesi. Ogni volta eravamo “il grande amore della vita”, mai però quando stavamo insieme, sempre e soltanto quando cercavamo di tornare insieme”. Annunci

Cucchi e quel maxi-risarcimento “un po’ così”…!

La questione è spinosa, la verità nelle mani di chissà chi, e da sempre, sul campo degli astanti, si fronteggiano gli accusatori delle forze dell’ordine e quelli dei medici. Al centro una famiglia, senza più un figlio. Una famiglia che in aula si è vista sfilare liberi e senza macchia le guarde carcerarie, colpevoli, a detta sua, di aver pestato Stefano, fino al punto di farlo finire in ospedale. Tra le braccia dei suoi carnefici ( ha stabilito il giudice). Una famiglia che però ora – per quanto in disaccordo con la sentenza – accetta un risarcimento in…