“Ti va se passo un attimo?!”. Ecco cosa succede quando l’invito arriva all’ultimo momento.

preparazione

Noi donne abbiamo un grande potere: riusciamo a compiere una cosa -per cui normalmente impieghiamo un’ora- anche in dieci minuti, dieci. Davvero, uomini, credetemi. Sarà per merito del nostro multitasking, sarà perchè il fine giustifica i mezzi, sarà per non so cosa, ma sappiatelo: non è vero che per vestirsi e truccarsi ci vuole necessariamente un intero pomeriggio (quando succede è perchè cominciamo a prepararci tardi, e perchè, in fondo, ci piace farvi aspettare…!).
Prendiamo per esempio quel momento in cui lui ci chiama e fa: “Ti va se passo un attimo per darti un bacio/portarti quei documenti/vedere se il rubinetto perde ancora?”, e noi ce ne stiamo invece sdraiate sul letto, in pigiama, i capelli raccolti col mollettone, struccate, bianche e bavose, in preda a quell’attimo di pigrizia estrema per cui non abbiamo manco la forza di alzarci e preparare la cena. L’inerzia ci spingerebbe a dire “No, guarda, ora non posso proprio…se ti va rimandiamo”, ma ci sono determinate situazioni in cui l’inerzia si vince – eccome se si vince – e non deve per forza esserci in ballo quel meraviglioso paio di scarpe, l’ultimo 37 rimasto in tutta la città! No. Anche la prospettiva di un bacio, una carezza, uno sguardo un po’ così, la potenziale probabilità di abbandonarsi a un momento un po’ più… – ok, ci siamo capiti – è un ottimo monito per fare la fine di Lazzaro ed autoesortarsi: “Ehi, tu, alzati e cammina!”.
Perchè ricordate: che sia una nuova conquista o il nostro fidanzato ufficiale, è vivamente sconsigliato farsi vedere nature nature, nel senso più selvaggio del termine. Per capirci: va bene la pelle acqua e sapone, ma niente abbigliamento da casa, tute larghe, magliettone da sfollato de notte, calzini bucati, striature di bavetta sul labbro…. E’ sconsigliato perchè basta una-volta-una chè poi lui ci si ricordi così per sempre, una sorta di animale mitologico metà donna metà scaldabagno, sexy come Enzo Paolo Turchi in preda ai dolori del deretano, accattivante come Flavia Vento punta dai moschitos.

Siamo fantastiche, in questo. Una giravolta alla Wonder Woman, e via: in un attimo sappiamo trasformarci da Rosy Bindi in Vanessa Paradise. In quei dieci minuti che ci separano dall’incontro fatale siamo infatti in grado di: lavarci, depilarci (santo rasoio), truccarci, vestirci, sistemare casa e assumere pure quell’aria tranquilla del tipo: “Oddio, scusami, ma mi hai sorpresa un po’ così, in déshabillé…”.
Deshabillè…deshabillè un corno!Tutto in quegli istanti è calcolato, uomini, sappiatelo. Perchè il segreto del nostro successo sta proprio lì: farci vedere sistemate, ma non acchittate. Mai. Nessuno crederebbe infatti che possiamo davvero gironzolare per casa con i tacchi, o con le scarpe. Molto meglio quindi le pantofole. Sopra però è bandita qualsiasi tipo di tuta, copricostume, et similia. Piuttosto jeans e maglietta (potremmo sempre raccontargli che siamo appena rientrate…). Per quanto riguarda trucco e parrucco, basta un po’ di fondotinta, cipria e blush – tanto per perdere quel colorito-fantasma malato – e una passata di rimmel. Per la chioma optiamo invece per una coda (senza il mollettone): fa molto casa in ordine. Perchè, come sopra, mai dare l’impressione di essersi sistemate appositamente. Mai. Faremmo la figura delle poveracce, mentre invece il messaggio che dobbiamo lanciare è: “Io perfetta? Oh, grazie, caro, ma non esageriamo. Ero buttata lì sul divano, sono tutta nature… Anzi, chissà in che stato pessimo sono!”.
False, false come Giuda, ma per una buona causa! Cribbio.

Ci prepariamo velocemente convinte che, una volta appurato che il rubinetto ha effettivamente smesso di perdere, lo sguardo di lui volga poi su di noi – convinte… speranzose, più che convinte!
E fatta la nostra parte, a quel punto, tocca a voi, uomini. Perchè famo a capisse: noi ce la diamo come una possibilità, ma voi dovete assolutamente fare in modo che quello spostamento di sguardi rubinetto-decolleté avvenga. Assolutamente. Perchè insomma, non siamo mica qui a perder tempo a legare i cani con le salsicce, perdindirindinamaledetta!!!
Fate dunque in modo che quell’incontro non duri effettivamente il tempo di un bacio, o di una consegna dei documenti. Perchè sappiate anche questo: non c’è nulla di più frustrante, ridicolo e stupido per una donna – dopo essersi per giunta scapicollata per casa come Vicky il robottino – che ritrovarsi davanti allo specchio truccata, vestita e sola. Tremendamente sola.
Pure perchè ammettiamolo: starsene per casa vestite e truccate è di uno scomodo madornale!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...