Tu porta un rimmel nel bagaglio a mano e vedi cosa ti succede. Le mie perplessità sul niet ai liquidi.

aereoA giorni partirò per Londra, e visto che il biglietto mi è già costato una fortuna – a proposito, che dio li fulmini, ma diciamolo: i voli low-cost sono effettivamente low solo se si è disposti a partire alle 23 del venerdì e tornare a piedi alle sei di mattina della domenica, perchè sennò te svenano –  dicevo, dal momento che il biglietto mi è costato un ciuffo della chioma, ho optato per il bagaglio a mano. Solo a mano. In sostanza un beauty-case un po’ più grande di quello che utilizzo solitamente per i trucchi (e se non sapete nulla della mia “pochette”, leggete qui. https://chiamatemilucrezia.wordpress.com/2013/03/29/clio-make-up-mi-ha-rovinata/)

Il problema dei viaggi nel Regno Unito è che lì, le regole, le fanno rispettare a suon di perquisizioni e palpeggiamenti. Perchè a Fiumicino puoi anche sperare di farla franca, ma una volta a Londra, se provi a tirar fuori una pochettina in più del dovuto, sono cacchi amari! E se hai un trolley 56 x 45 x 25 cm (un millimetro in più e sei fottuto!) il dramma vero si chiama liquidi.

I liquidi (in senso ampio. Piuttosto  ampio. Decisamente molto ampio, visto che comprendono anche le polveri e i gel) nei bagagli a mano sono vietatissimi, o quasi. Perchè tu puoi anche portarti  56 x 45 x 25 cm di abiti acrilici made in China che prendono fuoco con uno sguardo, una spazzola per prendere a bastonate, fino ad ucciderlo, il vicino di posto, o una compilation di Giovanni Allevi, ma non azzardarti a portare un mascara perchè ti arrestano. O peggio, te lo cestinano (manco lo tenessi lì nella pochette da anni, come Clio make up insegna) come fosse una pistola. Lo stesso vale per rossetti,  ombretti, burrocacao, creme e shampoo. In sostanza, vestiti, ma fa’ il favore: non te lava’. 

Per dovere di cronaca, preciso che non è ovviamente così: i liquidi sono consentiti solo se contenuti in flaconcini di massimo 100 ml, per un totale di un litro. Quel che non mi è chiaro è il principio generale. Perchè io capisco la sicurezza – le restrizioni vennero applicate nel 2005 a seguito degli attentati terroristici di Madrid del 2004, quando si scoprì che il detonante era stato creato utilizzando esplosivi binari, ovvero composti da due elementi: uno in polvere, e quindi facilmente camuffabile da cipria o ombretto, l’altro liquido, che se miscelati danno vita a un composto differente, attualmente non intercettabile da meccanismi di rilevazione e scansione, e di potenza detonate devastante – ma voi ce lo vedete un terrorista minacciarvi brandendo in aria un rossetto Chanel Rosso Inimitable, o un flacone di bagnoschiuma alla malva? Abbiamo forse notizia che a Madrid andò così??!

Non solo, ma ragioniamoci:  ci costringono a sottostare a misure estreme  nei voli aerei, quando quegli attentati avvennero sui treni della capitale spagnola. Treni – di tutta Europa – in cui invece si può salire anche con un carico di ombretti, shampoo e balsamo, financo con un’arma, tanto i metal detectors non ci sono. E vi dirò di più. Gli unici attentati terroristici di cui abbiamo una memoria recente – quelli di New York – sono avvenuti per dirottamento e schianto, non per  esplosione.

Ve ne dico un’altra? Gli inglesi stanno tanto attenti a ‘sti liquidi sugli aerei, quando poi nel 2005 Al Qaida gli fece saltare in aria autobus e metro… 

E quindi? Di cosa stiamo parlando? Piuttosto, decidete signori dell’Europa che conta, delle due l’una: o vi inventate meccanimi di rilevazione e scansione che possano intercettare i suddetti miscelati, o la smettete co ‘sta farsa e ci consentite di portare (gratis) tutti i cosmetici di cui abbiamo bisogno!!!

Ecchecavolo!

Annunci

5 pensieri su “Tu porta un rimmel nel bagaglio a mano e vedi cosa ti succede. Le mie perplessità sul niet ai liquidi.

  1. Mamma mia! Anche io ho il terrore di veder buttar via i miei cosmetici. Finora non ho mai volato. Terrore? Paura di perdere i miei cosmetici? Paura di non potermene portare? Chissà come farò, se dovrò prendere l’aereo questa estate. Uffa!

    Mi piace

  2. Sono nuova da queste parti…mi permetto di commentare. Ho sempre volato con compagnie lowcost (l’unica volta che non ho volato con Ryanair&Co, ero con Lufthansa e ho rifiutato giornali/tea/caffè/biscottino perchè pensavo che avrei poi dovuto pagare tutto all’uscita…per far capire il livello di sfiga della sottoscritta) e ho sempre portato i cosmetici vari (fondotinta in crema, correttore in forma liquida e mascara) e son sempre sopravvissuta al controllo bagagli…anche nella regia Gran Bretagna. So…don’t worry and enjoy your flight!!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...